Blog: http://lessicodemocratico.ilcannocchiale.it

qui da noi, in occidente



io non so dove si trovassero un'ora fa, alle 19,30 di sabato 19 luglio, gli eventuali lettori di questo post: se in acqua per l'ultimo bagno, in giro a fare shopping, bloccati in un ingorgo o magari impegnati in un turno festivo (sotto l'occhio compiaciuto di brunetta, il ministro, non quella simpatica collega siciliana). Io sono sceso con il cane in questa mia città all'improvviso così pulita ed apprezzata. Il cane lo porto sempre al parco, a due passi da casa, una macchia di verde in pieno centro cittadino. E cosa ho visto nel parco al tramonto di questo sabato estivo? Tre gruppi di ragazzi, in qualche modo rappresentativi di pezzi della società che mi circonda: da un lato un gruppo di giovanissimi abitanti del quartiere, seduti in circolo sotto le piante, a chiacchierare e mangiare patatine fritte; più avanti un altro gruppo di ragazzi, più grandi e probabilmente di estrazione sociale più "elevata"(?), abbigliati come punk e con alcune coppie più lontane e già isolate; il terzo gruppo all'inizio l'ho sentito vociare, giù dove c'è il campetto, e poi, quando mi sono affacciato alla ringhiera ho visto questi ragazzi, tutti scuri, impegnati in una accanita partitella, con tanto di arbitro, spettatori e spettatrici...(tutti senegalesi o ivoriani o di una delle altre comunità presenti in zona). Mi ha colpito soprattutto questo gruppo non solo perché l'uso esclusivo di quel campetto è già un segnale forte ma anche perché uno dei ragazzi indossava una fiammante maglia del Napoli con la scritta Zalayeta. Il parco in questione è il singolare Parco dei Ventaglieri dal quale, fra l'altro, si gode la vista di San Martino di cui sopra. Da anni in questo spazio si accumulano le energie di cittadini della zona, le attività di un Coordinamento di associazioni (in particolare il Forum Tarsia il cui sito è fra i link e il Centro Sociale DAMM) con la sperimentazione di percorsi di gestione partecipata che fra qualche anno, magari, una mia amica urbanista impegnata in loco descriverà in un bel libro. Questo mi è sembrato un bel modo di riprendere la cura di questo blog. Delle fesserie che stanno volando in giro ne parliamo dopo.

Pubblicato il 19/7/2008 alle 20.31 nella rubrica QUI' DA NOI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web