.
Annunci online

lessicodemocratico
ottimi argomenti per chi porta le paste


Diario


26 gennaio 2011

DOCUMENTO SULLE PRIMARIE DEL CIRCOLO AVVOCATA

Qui di seguito potete leggere il documento sulle primarie di domenica 23 gennaio che il nostro Circolo del quartiere Avvocata di Napoli ha indirizzato agli organismi dirigenti del partito democratico

Circolo territoriale quartiere Avvocata                                                                                                                                  

Piazza Cesarea, 8 – Napoli                                                                                                                                                                               

 

DOCUMENTO APPROVATO DAL COORDINAMENTO DEL CIRCOLO TERRITORIALE DEL QUARTIERE AVVOCATA DI NAPOLI IL 25 GENNAIO 2011

 

Le attuali polemiche sull'esito delle primarie del 23 gennaio 2011 a Napoli determinano un grave disorientamento fra l'elettorato di centro-sinistra sminuendo il grande risultato di partecipazione popolare (ottenuto nonostante una giornata fredda e piovosa), aumentando la disaffezione nei confronti della politica ed esponendo seriamente la città al rischio di una vittoria a mani basse del centro-destra alle prossime elezioni amministrative.

E' innegabile che domenica scorsa l'attuale meccanismo delle primarie si sia rivelato insufficiente a garantire un limpido esito al confronto tra i vari candidati giustificando le perplessità che motivano l'orientamento dei nostri organi dirigenti a sostanziali modifiche.

E' altresì necessario che gli organi competenti pongano rimedio e facciano chiarezza per  riconciliarci con i nostri sostenitori.

Innanzitutto ci auguriamo che i candidati alle primarie, in particolare quelli iscritti al PD, abbassino i toni della polemica reciproca, ripristinando un'idea di comune appartenenza non affidata ad una tessera bensì a valori etici ed impegno civile.

Riteniamo che questa sia una premessa fondamentale perché è evidente che alle primarie di domenica 23 gennaio hanno partecipato cittadini che non possono assolutamente considerarsi sostenitori del centro-sinistra, circostanza in qualche maniera consentita proprio dall’attuale meccanismo delle primarie che andrebbe modificato.

Questo è quanto emerge dalle dichiarazioni dei candidati in lizza, dalle proteste di cittadini e militanti ed è quanto abbiamo potuto constatare noi stessi nel seggio del nostro quartiere allestito in Piazza Dante.

Ci auguriamo dunque che i candidati e gli organismi dirigenti e di garanzia sappiano individuare un modo per salvaguardare l'impegno che migliaia di napoletani hanno espresso domenica 23 gennaio.

Non volendo pensare che dalla verifica del voto si rilevino condizioni e comportamenti tali da giustificare gravi sanzioni, peraltro previste dalle norme statutarie del PD, auspichiamo che le soluzioni individuate siano tali da restituire ai napoletani (e agli italiani) la fiducia nei partiti del centrosinistra e, segnatamente, nel nostro.  

Sottolineamo che sarebbe significativo se l'iniziativa per riabilitare le primarie di domenica scorsa venisse, concordemente, dagli stessi candidati.




19 novembre 2009

l'assemblea di domenica

 Avvocata è un quartiere di Napoli di recente salito agli onori delle cronache anche nazionali per l'occupazione illegale di un immobile pubblico avvenuta nella zona di Materdei
 
= per un governo condiviso del territorio:

= nella pari dignità di ogni area urbana;

= nel rispetto reciproco fra cittadini e amministratori;

= nella partecipazione diffusa alle decisioni comuni;

= nell’utilizzo trasparente dei beni pubblici.

chiediamo una svolta per la municipalità e il quartiere Avvocata

NON SIAMO DI PASSAGGIO

noi democratici del quartiere avvocata vogliamo avviare una iniziativa programmatica sulle principali questioni del nostro territorio e per questo ci confronteremo con cittadini, commercianti, associazioni, comitati di quartiere:

DOMENICA 22 NOVEM BRE ORE 10

ASSEMBLEA PUBBLICA

nella nostra sede di PIAZZA CESAREA n. 8

Blog: lessicodemocratico.ilcannocchiale.it

Demos.ilcannocchiale.it

 


27 giugno 2008

mo' ci mettiamo in circolo, mo'



questa è la nostra sede di Piazza Cesarea (Napoli, quartiere Avvocata) fotografata durante le primarie del 14 ottobre 2007. Adesso l'insegna è cambiata (il clima politico anche) e ci prepariamo, finalmente, a costituire ufficialmente il nostro Circolo territoriale. E già, perché non tutti sanno che in questo periodo quì da noi si stanno costituendo quelle strutture di base che in altre Regioni sono già in piedi (qualcuna di nuovo per terra) da tempo. Noi ce la siamo presa comoda, il calendario per la provincia di Napoli lo trovate sul sito www.pdprovincianapoli.it o cose del genere. Il Circolo del Partito Democratico di Avvocata si istituisce ufficialmente, con l'elezione del Coordinamento, giovedì 3 luglio, con il seggio aperto dalle 9 alle 21. Possono votare: cittadini italiani e comunitari residenti nonché extracomunitari con permesso di soggiorno. Può votare chi ha compiuto sedici anni. La quota minima da versare è fissata in cinque euro. Dopo una accesa contesa con i rivali di demos, questo blog si è aggiudicato l'esclusiva per i risultati del voto. Saprete.


17 maggio 2008

come pesci in barile



c'è solo da provare tristezza e vergogna per questo manifesto affisso a Ponticelli dalla locale organizzazione del Partito Democratico. Tristezza e vergogna acuite dal contemporaneo assenteismo del nostro partito su altre questioni, mentre la città è sconvolta da cassonetti rovesciati ed immondizia bruciata. In altri tempi avremmo avuto la convocazione di assemblee permanenti, la presenza folta e costante dei nostri dirigenti fra i cittadini. Non succede, parole e fatti continuano ad essere drammaticamente in ritardo. Ma la nostra città corre un altro rischio in questo momento, con una classe politica obbligata a trovare soluzioni immediate. La necessità di fare presto, la gravità della situazione, potrebbero favorire scelte sbagliate, di quelle che risolvono il problema per qualche tempo con tanta polvere (e che polvere) spinta sotto il tappeto. Si passerebbe insomma da un estremo all'altro: prima nessun luogo era adatto a discariche ed inceneritori, dopo qualsiasi sito andrebbe bene. Si saprà qualcosa la prossima settimana, quando avremo il consiglio dei ministri a Napoli e la concertazione con le istituzioni locali. Dopo l'intollerabile stagione del nonsipuotismo si potrebbe rischiare di ricadere in quella un po' più datata ma non meno dannosa dell'urgentismo.   


3 aprile 2008

si replica



ddopo il D-day, domenica 6 aprile noi democratici di Avvocata siamo di nuovo in piazza, questa volta nella parte bassa del quartiere con gazebo in Piazza Mazzini e Piazza Dante e volantinaggi itineranti (sempre dalle 10 alle 13). Lunedì 7, invece, torniamo a Materdei dove partecipiamo all'incontro con Maria Fortuna Incostante e Teresa Armato (teatro Bolivar ore 18,30). Mercoledì 9, già si sa, in Piazza del Plebiscito con Uolter.


15 marzo 2008

una giornata perfetta



mi scuso per la nota personale: sono le 13,30, ho pranzato ed ho fatto mangiare il cane, ora mi preparo, in sequenza, a: 1) alle 14 vedere Italia-Scozia di rugby; 2) alle 16,30 trovarmi all'apertura della campagna elettorale del Partito Democratico con D'Alema; 3) in serata, trovarmi alla libreria Treves in Piazza del Plebiscito dove, per la settimana della poesia, è previsto un mio intervento.
Di giornate così ce ne sono poche (non per gli elettori iraniani, non per i tibetani)


13 marzo 2008

apertura campagna elettorale

                                                                                                                                                           




sabato 15 marzo, alle ore 16,30, appuntamento al teatro Politeama per l'apertura della campagna elettorale del Partito Democratico.
Intervengono Marco FOLLINI e Massimo D'ALEMA
           


29 febbraio 2008

un partito illuminista (220 W)



due segnalazioni su ciò che di concreto vive nel Partito Democratico su certi temi: la prima potreste anche vedervela sulla web tv dei ds ma invece vi consiglio di arrivarci dal blog di okappalaura che trovate nell'elenco a destra come laura (da trieste), la seconda è la seguente mail inviata da milano da luigi lusenti e che pubblico senza averlo consultato

Carissimi, ascoltando Giovanni Bianchi ieri sera al Forum dei Circoli del Pd
in  Camera del Lavoro e la rivendicazione di appartenere lui, credente, alla
cultura dell’Illuminismo, dei Diderot e dei d’Alembert,  perfino dei
Grundisse letti in tedesco (a proposito complimenti per la perfetta
conoscenza della lingua e, per chi non lo sapesse, Giovanni è anche un
discreto poeta), mi è venuta in mente una scoperta che feci andando a
Sarajevo durante l’assedio e il bombardamento della città. Coordinavo allora
gli aiuti umanitari che Arci portava in Bosnia e intrecciavo rapporti con le
organizzazioni antinazionaliste e pacifiste. Mi dissero alcuni amici
bosniaci che nel cimitero di Sarajevo esiste un luogo ove raccogliersi e
meditare, per tutte le religioni e, perfino, per chi è ateo o agnostico.
Verificai che fosse vero e sentii come, da quella bella e martoriata città,
venisse ancora una volta una lezione di vita: la possibilità per ognuno di
interrogarsi, partendo da qualsiasi visione del mondo, sul trascendentale e
nel contempo essere liberi nello spirito e laici nella mente.

Capii anche, in quei lunghi giorni che passavo a Sarajevo, che non ci sono
solo gli integralismi religiosi, ma pure quelli della politica, della razza,
della nazionalità, perfino dell’amore e della solidarietà. Mi piacerebbe che
il Pd li contrastasse tutti, e assumesse la tolleranza non solo religiosa,
come metro di pensiero. Se, come ha detto Giovanni Bianchi, siamo tutti
figli e nipoti del “secolo dei lumi”, allora lo scontro di libertà passa non
fra chi crede o non crede, ma con chi, invece che alle intelligenze, si
rivolge alla pancia della gente, alle paure e agli incubi e li
strumentalizza. E questi, qualsiasi segno religioso, bandiera nazionale,
distintivo di partito esibiscano  sono da combattere sempre e ovunque.



Luigi Lusenti


13 febbraio 2008

assemblea su PD ed elezioni

 
per chi non lo avesse letto la prima volta che l'abbiamo pubblicata, la foto qui sopra è stata scattata (e poi a noi donata) da un cittadino nostro dirimpettaio che il 14 ottobre 2007 ha ripreso così la fila davanti al nostro seggio-sezione e noi la usiamo ogni volta che annunciamo una iniziativa pubblica, perciò, si sappia che per le ore 17,30 di martedì 19 febbraio è indetta la nostra 5a (quinta) assemblea pubblica post-primarie, l'argomento, manco a dirlo, sono le prossime elezioni politiche. Colgo l'occasione per fornire un po' di informazioni sullo stato dell'arte del PD quì da noi (così rispondendo anche alle domande di qualche amico/a). Pur con qualche ritardo, altrove il PD sta nascendo: si consegnano i certificati delle primarie, si fanno consultazioni per la costituzione dei circoli, si eleggono i gruppi dirigenti. In Campania finora nulla: le liste dei partecipanti alle primarie sono perse nelle nebbie e i coordinamenti dei circa 500 circoli da costituire saranno "nominati" dall'alto con ripartizione per correnti (pardon, liste elettorali) in base ai voti ottenuti alle primarie di ottobre. Si legga a tal proposito il regolamento (bozza non bozza?) sul sito del pd campano www.pdcampania.it e, in particolare, la norma transitoria prevista dall'articolo 44 del dispositivo. E' ovvio che se si dovesse adottare questo meccanismo "transitorio" anche le consultazioni previste per le liste alle politiche (per il principio dei vasi comunicanti fra nominati e nominatori) finiranno per essere del tutto vanificate.


7 novembre 2007

madri costituenti

 
Veltroni ha costituito un suo esecutivo composto in maggioranza (non schiacciante eh!) di donne. Nonostante le perplessità di qualcuno, mi sembra che questo sia un ulteriore segnale che quando ci si danno delle regole bisogna rispettarle (a farsi spazio e a farsi rispettare nell'esecutivo come altrove Anna Finocchiaro e le altre ci penseranno per conto loro come già dimostrano quotidianamente), il pensiero ovviamente va alla Campania dove, fra tante regole saltate, si voleva aggirare anche quella sulla rappresentanza di genere. Per l'Assemblea Nazionale ci ha pensato Uolter che ha chiarito come a donna "dimessa" debba subentrare altra donna. Adesso ci si aspetta che anche l'Assemblea Regionale, che si riunisce a fine settimana, rispetti questa regola e che non si debbano subire furbate sottobanco. Un dato simpatico e curioso è che, dimettendosi, alcune elette (ma vale anche per gli uomini) consentono l'entrata nelle Assemblee Costituenti di candidate/i che erano in posizioni di rincalzo nelle loro liste, delegate/i non previsti, forse più autonomi.

sfoglia     novembre       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
QUI' DA NOI
Prima le Primarie
liste e seggi PD
Costruiamo il Partito Democratico
fatica a vuoto

VAI A VEDERE

l'ulivo-Partito Democratico
Dario Franceschini
Pierluigi Bersani
ignazio marino
dal PD regionale
pd napoli
gino nicolais
giovani PD ad Avvocata
mokella (di avvocata)
forumtarsia
decidiamoinsieme
(questa) strega maligna
makia
tonia (da giugliano)
bolledaorbi
l'antonio (gramsciano)
miss kappa da l'Aquila
eddyburg, non solo urbanistica
lo stupor di Maraviglia
adestra (perché no?)
i mille
laura (da trieste)
revanche
GenerazioneU (da Afragola)
d'ambrosio e PD da Giffoni
giuseppe somma da scafati
discutendo
universopolitico
paolo borrello
marco da catania
domyamodio da bari
eta beta (roma)
Mario Adinolfi
Rosy Bindi
Enrico Letta
democratici di sinistra
ds Avvocata


CERCA